Cori fermu

Cori fermu
E’ stranu viditi accussì assittata
Tu, cori fermu
Chi nun ti firmavi
Mancu pi pigliari sonnu.
Cori fermu, chinu di curaggiu
Capaci di dari forza e ajutu
A tuttu lu criatu,
ora si assittata
stanca ‘nta li pinseri persa
lu vrazzu a pinnuluni offisu.
Chi po fari ora?
Ti passi a mimori
Lu libbru di la vita
Nun ti priuccupari
Si ti scordi quarchi cosa
Dumani lu ripigli lu discursu
E cu tantu ‘mprgnu e priu
Mi lu cunti ancora.

Salvatore Maurici

Grazie al mio amico e poeta Salvatore Maurici per questi versi dedicati a tutte le mamme sopratutto a quelle che ormai anziane combattono con la malattia e che trascorrono i giorni cercando di ricordare.

Immagine in rete

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in POESIE. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...