La scala a chiocciola

Foto di Tiferett e le mie diverse interpretazioni

La scala della vita….versi

Vivo la vita
ridendo o piangendo
ogni giorno un gradino
uno dopo l’altro
salgo o scendo
questa vita
scala a chiocciola
difficile da fare
con pazienza
e tanta speranza
riuscirò a non cadere
Ma.Vi

Rinascita…..senryu (metrica giapponese)

sogno una scala
lenta spirale salgo-
la rinascita
Ma.Vi

Dal libro dei sogni: Sognare di salire una scala a chiocciola significa rinascita interiore

Il faro….racconto

Il motoscafo attraccò al piccolo molo. Scesi sul piccolo pontile e alzai gli occhi. Alto e
maestoso, il gigante buono del mare….il faro era li ormai a portata di mano. Finalmente
dopo anni riuscivo a vederne uno da vicino. Ormai molti fari restano spenti o sono diventati ultramoderni. Questo funziona ancora alla vecchia maniera, col suo guardiano che sta attento e che ancora vive sull’isolotto. Ma fra un poco anche questo resterà a guardare il mare e basta. Il giovane che mi viene incontro ha la pelle bruciata dal sole, ha un aspetto forte. Sorride e si illumina parlando del suo faro. Mi fa vedere le sue due stanzette, sul fornello una pentola di coccio, sta preparandosi una minestra. Il profumino è delizioso. Mi spiega tante cose, mi racconta della vita solitaria, dei libri e io fremo perchè voglio andare su. Mi dice che i gradini sono tanti….non importa voglio vedere la luce, dico. Lui avanti e io dietro e si comincia, uno, due, tre, quattro…….centouno e qui mi fermo senza fiato. Guardo verso su e di gradini ce ne sono ancora tanti…Continuiamo a salire, sento il sangue pulsare, finalmente mi ritrovo la dove l’occhio magico del faro manda la sua luce verso il mare, segnando la via e dando speranza. Da lassù lo spettacolo è stupendo, mare, mare, mare, piccole increspature, riflessi d’argento. Il tramonto è spettacolare ed ecco si accende la luce e gira ad intermittenza.E’ sera ormai, bisogna scendere, guardo giù e sento una vertigine, la spirale sembra non avere fine. Scendendo sento sempre più odore di minestra….anzi sento un odore che mi preoccupa…..sono nella mia poltrona, con il libro di Bambaren sulle gambe “Il guardiano del faro”…..mi sono semplicemente appisolata…ho solo sognato…eppure sento una grande stanchezza alle gambe….quella scala era infinita…

Ma.Vi

Salire in cima…Le Petit Onze

Salire
sicuri verso l’azzurro
nell’ombra certezza
in cima
luce
Ma.Vi

Grazie a Tiferett per la sua speciale fotografia e per la bella esperienza

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Acrostico, click interpretativo, Le Petit Onze, metrica giapponese, POESIE. Contrassegna il permalink.

2 risposte a La scala a chiocciola

  1. Dina Aureli ha detto:

    delizioso racconto che sa tanto di vita reale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...